Il progetto in sintesi

Il progetto in sintesi

Un percorso di conoscenza, partecipazione, responsabilità della società civile

LIBenter ha un obiettivo, semplice da comprendere ma di ambiziosa realizzazione: rendere monitorabile ogni progetto previsto nel Pnrr, al fine di poter vigilare l’impiego delle risorse europee e nazionali finalizzate alla nostra ripartenza.

Per raggiungere quest’obiettivo, lavoreremo affinché  ogni progetto del Pnrr:

-sia fatto per bene. Vogliamo generare un modello scientifico di valutazione al fine di verificare che presenti caratteristiche di sostenibilità ed efficacia;

-sia monitorabile. Vogliamo generare strumenti che permettano alla cittadinanza, specie se organizzata in comunità monitoranti, di prendersi cura di quei progetti più vicini al loro territorio o interesse.

Ecco perché il progetto ha due dimensioni:

-un’anima scientifica, che ci aiuterà prevalentemente nella produzione del modello di valutazione della sostenibilità dei progetti. La realizzazione di queste “linee guida” sarà cura di un gruppo di lavoro, già costituitosi e funzionante entro l’Università Cattolica del Sacro Cuore, composto da economisti, sociologi, giuristi ma anche esponenti della società civile, a partire dalle linee guida indicate dalla Commissione europea il 22 gennaio scorso e dalle condizionalità che in altri atti dell’UE regolano il conferimento delle risorse finanziarie agli Stati membri;

-un’anima marcatamente civica e operativa, che produrrà soprattutto strumenti di engagement della società civile: significa che alcuni esperti del mondo del Terzo settore, cominciando Fondazione Etica e Libera compagni di viaggio di quest’avventura fin dall’inizio, produrranno guide, contenuti semplificati, strategie di coinvolgimento di territori e comunità locali legati al Pnrr

Grazie al nostro lavoro, che si fonda su gruppi misti, vogliamo rendere effettivamente monitorabile il Pnrr da parte di una sorta di osservatorio composto da organizzazioni civiche, gruppi formali e informali ed ogni altra esperienza che, prendendo in prestito un’espressione cara all’associazione Libera, chiamiamo comunità monitoranti, che possono aderire all’iniziativa.

 LIBenter intende quindi:

-operare su tutto l’arco temporale (2021/2027) di attuazione del PNRR;

-predisporre un sistema di monitoraggio civico nell’impiego delle risorse finanziarie previste nel PNRR. Il fine è tradurre il PNRR, e i progetti di cui è composto, in linee guida scientificamente fondate, che avranno la funzione di aiutare chiunque a “tradurre” i contenuti del PNRR in qualcosa di monitorabile;

-garantire un effettivo controllo diffuso del PNRR, tramite una forte strategia di engagement di comunità monitoranti. Significa generare azioni di formazione, accompagnamento e messa in rete di comunità monitoranti e strumenti, specie digitali, che aiutino nel compito del monitoraggio.